Pectus excavatum PDF Stampa E-mail

Salve, mi chiamo Matteo e ho 22 anni e sono affetto da pectus excavatum asimmetrico. Sono diventato conscio del problema quando è peggiorato all'incirca all'età di 14 anni. Da allora non sono andato praticamente mai al mare, piscina, o in situazioni che cmq mi "mostravano" diciamo.  A 17 anni autonomamente ho iniziato a fare attività sportiva in palestra, non per correggere il problema, che sapevo già grazie a internet essere un utopia senza l'operazione, ma più che altro per amor proprio.  Adesso muscolarmente sono messo molto bene dopo anni di frequentazione ininterrotta (sono 1,92 cm per 103 kg senza troppo grasso addosso) , ma nonostante tutto non mi riesce proprio di mostrarmi in pubblico. Informandomi in internet ho scoperto che è possibile operarsi in modo non invasivo, anche se so che superata la crescita può essere più doloroso [ma rispetto ai danni psicologici di anni è niente sicuramente]. Il mio PE non è una forma grave, diciamo media. Solo che l'asimmetria lo fa notare molto di più, e nonostante tutto il fisico costruito attorno, e con l'altezza si vede ancora di più.

Ho tardato a provare a informarmi perchè quando feci una visita classica di controllo per la schiena all'età di 17 anni, il dottore lo notò e mi disse che non si poteva fare nulla. A saperlo adesso lo picchierei (scherzo), ma probabilmente operato prima sarebbe stato più facile credo.

Se mi sono informato correttamente, l'intervento è coperto dal servizio sanitario, e dopo l'intervento si è rimessi subito o il giorno dopo se non ci sono complicazioni. L'attività fisica va sospesa per 2 mesi almeno [sarei disposto a fare persino questo io che sono abbastanza fanatico diciamo]

 

Che esami è necessario sostenere ? Le liste di attesa sono molto lunghe? [perchè io ci penserei per il prossimo inverno, ormai è tardi anche per questa estate...]

Sono corrette le informazioni in mio possesso?

in attesa di risposta, si ringrazia.

 

 

Matteo